Archivi tag: prossimamente al cinema

Hitler contro Picasso e gli altri: il trailer

“Hitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte”, prodotto da Nexo Digital e 3D Produzioni arriverà in anteprima mondiale nei cinema italiani solo il 13 e 14 marzo.

E’ stato pubblicato il trailer del film evento “Hitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte”, prodotto da Nexo Digital e 3D Produzioni con la partecipazione di Sky Arte.

Il film arriverà in anteprima mondiale nei cinema italiani solo il 13 e 14 marzo e a seguire sugli schermi di altri 50 paesi del mondo.

Il documentario evento, che vanta la straordinaria partecipazione di Tony Servillo con colonna sonora originale di Remo Anzovino, guida per la prima volta il pubblico alla scoperta del Dossier Gurlitt, di rari materiali d’archivio, dei tesori segreti del Führer e di Goering.

In due modi il nazismo mise le mani sull’arte: tentando di distruggere ogni traccia delle opere classificate come ‘degenerate’ e attuando in tutta Europa un sistematico saccheggio di arte antica e moderna. Si calcola che le opere sequestrate nei Musei tedeschi siano state oltre 16.000 e oltre 5 milioni in tutta Europa. Tra gli artisti all’indice Max Beckmann, Paul Klee, Oskar Kokoschka, Otto Dix, Marc Chagall, El Lissitzky.

Diretto da Claudio Poli, la pellicola ci guida tra Parigi, New York, l’Olanda e la Germania raccogliendo testimonianze dirette sulle storie che prendono il via da quattro grandi esposizioni che in questi ultimi mesi hanno fatto il punto sull’arte trafugata, tra protagonisti di quegli anni, ultime restituzioni e preziosi materiali d’archivio.

Si parte da  “21 rue La Boétie”, la mostra parigina nata dalla volontà di esporre parte di un prezioso patrimonio recuperato, la collezione di Paul Rosenberg, uno dei più grandi collezionisti e mercanti d’arte di inizio ‘900, con quadri da Picasso a Matisse; e si passa  a “Looted Art”, alla mostra di Deventer, in Olanda, che espone i quadri provenienti dai depositi statali olandesi e dalle collezioni razziate dai nazisti; si esplora poi “Dossier Gurlitt”, la doppia esposizione di Berna e Bonn che per la prima volta espone la collezione segreta di Cornelius Gurlitt, figlio di uno dei collezionisti e mercanti d’arte che collaborarono coi nazisti, fermato per caso dalla polizia doganale su un treno per Monaco nel 2010. Tra le tele della collezione trafugata capolavori di Chagall, Monet, Picasso e Matisse.

Tra i protagonisti del film anche Simon Goodman (che in scatoloni pieni di vecchie carte e documenti ha scoperto la storia della sua famiglia e della sua magnifica collezione d’arte, che comprendeva opere di Degas, Renoir, Botticelli, nonché il cinquecentesco “Orologio di Orfeo”. Larga parte della collezione era finita nelle mani di Edgar Feuchtwanger (che nel 1929 fu il vicino di casa di Adolph Hitler, qualche anno prima che suo padre fosse deportato a Dachau, mentre dalla loro casa venivano sottratti mobili e libri preziosi) e Tom Selldorff (che è riuscito a recuperare quattordici opere appartenute alla sua famiglia cui furono sottratte negli anni ’30).

All’interno di “Hitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte” troveranno inoltre spazio gli autorevoli interventi di Pierre Assouline, giornalista e scrittore, Jean-Marc Dreyfus, storico e autore del libro Il Catalogo di Goering, Timothy Garton Ash, storico, Berthold Hinz, storico dell’arte,  Meike Hoffmann, esperta di arte degenerata e della vicenda Gurlitt, autrice principale della biografia di Hildebrand Gurlitt Il mercante d’arte di Hitler, Eva Kleeman e Daaf Ledeboer, storici dell’arte e ideatori della mostra Looted Art di Deventer, Markus Krischer, giornalista di Focus che ha seguito l’inchiesta su Cornelius Gurlitt,  Agnieszka Lulińska, storica dell’arte e co-curatrice della mostra su Gurlitt a Bonn, Bernhard Maaz, direttore generale delle Bayerische Gemäldesammlungen, Christopher A. Marinello, mediatore nel recupero di opere d’arte, Art Recovery International, Inge Reist, direttrice del Frick Collection’s Center for the History of Collecting presso la Frick Art Reference Library, New York, Elizabeth Royer, gallerista parigina, esperta di restituzioni, Marei e Charlene von Saher, eredi del gallerista Jacques Goudstikker, Cynthia Saltzmann, storica dell’arte e autrice del libro Ritratto del dottor Gachet. Storia e avventure del capolavoro di Van Gogh, Tom Selldorff, erede, Christina Thomson, storica dell’arte e co-curatrice della mostra su Rudolph Belling, Anne Webber, cofondatrice e condirettrice Commition for Looted Art in Europe, Rein Wolfs, a guida della Bundeskunsthalle di Bonn e co-curatore della mostra su Gurlitt a Bonn, Nina Zimmer, direttrice del Kunstmuseum Bern – Zentrum Paul Klee e co-curatrice della mostra su Gurlitt a Berna.

Hitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte” è prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con la partecipazione di Sky Arte HD ed è distribuito nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it e ARTE.IT.

Fonte: Comunicato Stampa

 

FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Solo – A Star Wars Story : il teaser trailer

L’attesissimo trailer di “Solo: A Star Wars Story, lo spin-off della saga di Star War” è stato pubblicato.

È stato pubblicato il primo teaser trailer di “Solo: A Star Wars Story”, lo spin-off della saga di “Star Wars” dedicato al personaggio di Han Solo, uno dei personaggi principali della trilogia originaria. 

Il film è il secondo spin-off della saga: nel 2016 era uscito nei cinema “Rogue One: A Star Wars Story”.

Scritto da Lawrence e Jon Kasdan, il film esplora le avventure del giovane Han Solo e del suo compagno d’avventura Ciubecca prima degli eventi di “Star Wars: Episodio IV – Una Nuova Speranza“, raccontando anche il loro primo incontro con l’altro celebre furfante e giocatore d’azzardo della galassia lontana lontana, Lando Calrissian.

Alla regia ritorna Ron Howard, mentre il protagonista sarà interpretato da Alden Ehrenreich. Il cast si compone anche di Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover, Thandie Newton e Phoebe Waller-Bridge.

Solo: A Star Wars Story” arriverà nei cinema italiani il 25 maggio 2018.


Saw – Legacy: il trailer italiano

Dal 31 ottobre arriva “Saw: Legacy”, l’attesissimo ottavo episodio della saga horror di “Saw”.

Il sanguinario enigmista è tornato. In concomitanza con Halloween, il 31 ottobre arriverà nelle nostre sale “Saw: Legacy”, l’ottavo capitolo della nota saga horror di “Saw”.

A 13 anni dal primo film della saga, “Saw: L’enigmista” di James Wan, l’ottavo capitolo sarà diretto dai fratelli Spierig, famosi sceneggiatori e registi di importanti horror e thriller come “Daybreakers – L’ultimo vampiro” (2009) e “Predestination” (2014).

La sceneggiatura è stata scritta da Pete Goldfinger e Josh Stolberg.

La sinossi ufficiale del film recita:

“Dopo una serie di omicidi che portano il marchio di Jigsaw, le forze dell’ordine si trovano a dare la caccia ad un uomo che credevano morto da più di dieci anni, intrappolati in un nuovo gioco che è solo all’inizio. John Kramer è veramente tornato o è solo un inganno?”

Del cast fanno parte Tobin Bell (Jigsaw) oltre a Laura Vandervoort e Hannah Anderson, Mandela Van Peebles, Brittany ALlen, Callum Keith Rennie, Matt Passmore, Michael Bolsvert, James Gomez, Josiah Black, Shaquan Lewis.


L’Opera al cinema è femmina

Dal Metropolitan di New York l’Opera al cinema è femmina: dalla “Norma” al “Così fan tutte”, dal 10 ottobre al cinema.

È tutta al femminile la nuova stagione di Opera al cinema che da ottobre 2017 ad aprile 2018 arriverà nelle sale italiane direttamente dal palcoscenico del Metropolitan Opera di New York, distribuita da QMI per Stardust Classic.

In cartellone 4 capolavori tra classici senza tempo e nuovi allestimenti, per riscoprire il fascino delle più celebri eroine del teatro lirico: donne forti, moderne, determinate che travalicando le epoche continuano ad accendere la fantasia di artisti, registi, scrittori e musicisti, portando alla luce tematiche sempre attuali.

Assoluto pioniere nella trasmissione di opere via satellite e distribuito in 70 paesi e sei continenti, il Met propone la stagione più ricca al mondo a livello di talent coinvolti e investimenti nella produzione.

Quest’anno non sarà da meno, con una programmazione stellare che si aprirà con la “Norma” di Vincenzo Bellini in una nuova produzione firmata dall’iconico regista scozzese David McVicar con protagoniste le soprano Sondra Radvanovsky e Joyce DiDonato, una coppia memorabile per i fan del bel canto, nei panni rispettivamente della principessa dei Druidi e della sua rivale Adalgisa (10/10/2017), a dare voce a Pollione, l’amante infedele di Norma èil tenore Il tenore Joseph Calleja, recentemente insignito dell’alta onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per le sue eccezionali qualità artistiche e l’apprezzato contributo a diffondere in tutto il mondo opere italiane interpretandole con perfetta padronanza della lingua. Dirige il Maestro Carlo Rizzi.

Si continua con la “Tosca” di Giacomo Puccini, anche questa in un nuovo allestimento che rivitalizza lo splendore delle scene e dei costumi di Zeffirelli. Nel ruolo centrale la soprano Sonya Yoncheva, mentre il tenore Vittorio Grigòlo presterà la sua voce al pittore Calvadossi e il basso-baritono gallese Bryn Terfel al crudele Scarpia (30/01/2018).

Ancora Puccini con la “Bohème“, l’opera più popolare del mondo che torna in scena nella classica produzione di Franco Zeffirelli con un cast di giovani star ad affiancare la Yoncheva, che sarà la fragile Mimì, e Michel Fabiano, nei panni del poeta Rodolfo, con la direzione del Maestro Marco Armiliato (27/02/2018).

Si annuncia infine imperdibile il nuovo allestimento ideato dal regista inglese Phelim McDermott del “Così fan tutte“, che sposta l’azione dalla Napoli settecentesca alla Coney Island degli anni Cinquanta, in un’irresistibile atmosfera carnevalesca. Al centro di quest’opera buffa mozartiana imprescindibile per tutti gli amanti del teatro ci saranno il baritono Christopher Maltman e la soprano statunitense vincitrice dei prestigiosi Tony Awards Kelli O’Hara. Dirigerà David Robertson, attualmente direttore della Sidney Symphony Orchestra (03/04/2018).

Fonte: comunicato Stampa

 

It: al via il sequel

L’attesissimo Horror “It” dopo il successo riscosso oltreoceano si prepara ad avere un sequel nel 2019.

Dopo aver sbancato il botteghino oltreoceano il remake del film horror “It”, tratto dall’omonimo libro di Stephen King, avrà un sequel.

La New line Cinema e la Warner Bros hanno infatti ufficialmente confermato che il sequel del film arriverà sul grande schermo il 6 settembre 2019.

La sceneggiatura sarà firmata nuovamente da Gary Dauberman, mentre Andres Muschietti ritornerà dietro la macchina da presa.

Il sequel, seguendo il romanzo di Stephen King, si ambienterà 27 anni dopo il primo capitolo. I ragazzi del Club dei Perdenti hanno ormai lasciato Derry e si sono rifatti una vita, ad eccezione di Mike Hanlon, che è rimasto in città come guardiano. Sarà proprio Mike a riunire il gruppo 27 anni dopo per sconfiggere il sanguinario Pennywise.

“It” arriverà nei cinema italiani il 19 ottobre.

Morto Stalin, se ne fa un altro: la black comedy di Armando Iannucci

Il regista scozzese Armando Iannucci ritorna sul grande schermo con la black comedy “Morto Stalin, se ne fa un altro”.

Presentato in anteprima al Toronto International Film Festival, la travolgente black comedy “Morto Stalin, se ne fa un altro” del regista scozzese Armando Iannucci ha fatto già scalpore e rischia di essere censurato in Russia.

Il regista Iannucci (“The Thick of It”, “In the Loop”, “Veep – Vicepresidente incompetente”) racconta tra farsa e satira politica il caos successivo alla morte di Stalin e le lotte di potere per designare il suo successore.

La sinossi recita:
Nella notte del 2 marzo 1953, c’è un uomo che sta morendo. Non si tratta di un uomo qualunque: è un tiranno, un sadico, un dittatore. È Joseph Stalin, il Segretario Generale dell’Unione Sovietica (che forse in questo momento si sta pentendo di aver fatto rinchiudere nei Gulag tutti i medici più capaci…). È lì lì, non ne avrà ancora per molto, sta per tirare le cuoia… e se ti giochi bene le tue carte, il suo successore potresti essere tu!

La pellicola vanta un cast internazionale: Steve Buscemi (Le iene, Fargo, Il grande Lebowski) è il pragmatico Khrushchev; Michael Palin (membro dei Monty Python, Un pesce di nome Wanda) il fedelissimo Molotov; Jeffrey Tambor (Tutti pazzi per Mary, Una notte da leoni, Arrested Development) interpreta il confusionario vice di Stalin, Malenkov; Jason Isaacs (la saga di Harry Potter, The OA, Star Trek: Discovery) l’implacabile generale Zhukov; Simon Russell Beale (Into The Woods, Penny Dreadful) è il mefistofelico capo dei servizi segreti Beria e Olga Kurylenko (007 – Quantum of Solace, La corrispondenza) la pianista dissidente Maria Yudina.

 Liberamente ispirato alla graphic novel “La Morte di Stalin” di Fabien Nury e Thierry Robins pubblicata in Italia da Mondadori, il film sarà distribuito nelle sale italiane a partire dall’11 gennaio 2018 da I Wonder Pictures.

Fonte: Comunicato stampa

John Wick 3: pronto per il 2019

L’affascinante killer John Wick ritornerà sul grande schermo per una nuova avventura nel 2019.

L’action saga di “John Wick” si appresta ad avere un sequel, che secondo la Lionsgate, arriverà sul grande schermo nel maggio 2019.

Dopo aver riscosso il successo di botteghino con il secondo capitolo, l’affascinante attore Keanu Reeves è pronto ad indossare nuovamente i panni di John Wick.

Poche sono ancora le notizie riguardo questo nuovo capitolo. QuDerek Kolstad, che ha scritto la sceneggiatura dei primi due film, è stato confermato e sarebbe gia all’opera per la stesura del terzo. Non ci sono ancora conferme invece per la cabina di regia, anche se Chad Stahelski, regista dei primi due capitoli, ha più volte espresso la sua volontà nel dirigerlo.

Infatti il regista ha recentemente dichiarato in un’intervista a Collider:

“Stiamo scrivendo la sceneggiatura proprio adesso. Stiamo lavorando il più velocemente possibile. Se non sarà per la fine di quest’anno sarà per l’inizio del prossimo. Al momento sto lavorando come regista preparatore. Spero che il tempo ci aiuti. Vorrei assolutamente essere io a dirigere il film. Se guardate i primi due, c’è solo un modo in cui le cose possono andare, quindi vedremo di risolvere tutti i problemi”.

La saga action di “John Wick” ha riscosso ben 88 milioni di dollari con il primo capitolo nel 2014 e ben 172 milioni di dollari con il secondo.

Un Fiore PerEnne: il trailer

Arriverà nelle nostre sale solo nel 2018 la commedia sentimentale “Un fiore PerEnne” di Erika Marconi, Tonino Abballe, con Luca Avallone e Giada Folletto.

Arriva nelle sale cinematografiche “Un Fiore perEnne” con la regia di Erika Marconi e Tonino Abballe interpretato da Luca Avallone, Giada Foletto ed Elisabetta Perotto.

Dopo “Girotondo” e “Ninna Nanna” Tonino Abballe continua il suo lavoro, stavolta insieme con Erika Marconi al suo debutto alla regia, portando sul grande schermo una commedia sentimentale dal titolo “Un Fiore perEnne”.

Il film prodotto da Plumeria Film sarà distribuito nelle sale di tutta Italia a Marzo 2018.

La sinossi recita:
In un piccolo e delizioso paesino in provincia di Rieti, costruito intorno alle sponde del lago del Turano, vivono la loro storia d’amore Luca (Luca Avallone) e Nicoletta (Giada Folletto), due giovani convinti che i veri sentimenti possono superare tutte le barriere. Due anime apparentemente pure in una generazione difficile. Luca ha un negozio di alimentari acquistato con sacrifici e debiti. Nicoletta che sin da ragazzina sognava di fare cinema, vive con lui, ma non rinuncia al suo sogno di diventare attrice. I giorni scorrono tra baci, promesse e responsabilità. Ma i sogni finiscono e tra bugie e disincanto il sogno di Nicoletta sembra non avverarsi. Mentre Luca quotidianamente regala a Nicol una rosa come simbolo d’amore, lei nella frenetica lotta per conquistare un ruolo in un film, sembra che sia disposta a rinunciare al suo grande amore che non potrà darle altro che una vita modesta. Ma nella vita, mai smettere di sognare!! D’altronde ciò che serve all’uomo si puo’ stringere nel palmo di una mano…A far da cornice a questa storia d’amore anche altri personaggi tra i quali Nadia (Elisabetta Perotto) da sempre innamorata di Luca, Giacinto (Luigi Carlo Sanzi) che gestisce un negozio di fiori, Mirella (Emma Grisanti) che ha una cantina di vini e una ragazza che sembra apprezzare davvero gli scenari incantevoli di quel paesino.

Fonte: Comunicato Stampa

In viaggio con Adele: al via le riprese

Alessandro Capitani esordisce sul grande schermo con il film “In viaggio con Adele”. Le riprese al via.

Sono iniziate le riprese del primo lungometraggio di Alessandro Capitani (David di Donatello 2016 per “Bellissima” come Miglior Cortometraggio ), “In viaggio con Adele”.

Protagonisti della pellicola sono Alessandro Haber, Sara Serraiocco e con la partecipazione di Isabella Ferrari e Patrice Leconte.

Le riprese del film, prodotto da Isabella Cocuzza e Arturo Paglia per Paco Cinematografica, avranno una durata di 5 settimane e si svolgeranno in Puglia, nel  Lazio e a Parigi.

Nicola Guaglianone firma la sceneggiatura,  a Massimiliano Kuveiller è stata affidata la direzione della fotografia, mentre i costumi sono a cura di Catia Dottori, la scenografia di Andrea Castorina e le musiche sono di Michele Braga.

La sinossi recita: “Adele, una ragazza venticinquenne con la sindrome di Asperger, non ha mai conosciuto suo padre e vive da sempre sotto l’ala protettiva della mamma Margherita. Tutto cambia quando la sua esistenza viene stravolta proprio dalla morte improvvisa di quest’ultima. Abbandonata da tutti i parenti, che non hanno nessuna intenzione di prendersene cura, Adele incontrerà Aldo, un vecchio attore sessantacinquenne, arrivato in Puglia proprio per dare un ultimo saluto a Margherita. Aldo scoprirà di essere il padre di Adele e avrà il compito – oltre di accompagnarla dalla nonna materna – di dirle la verità. Inizia così un viaggio in una Puglia inospitale dove due perfetti sconosciuti, molto diversi fra loro, trasformeranno una relazione improbabile in qualcosa di unico e indimenticabile, assomigliando poco a poco a quello che non hanno mai pensato di poter essere insieme: un padre e una figlia”.

Fonte: Comunicato Stampa

Ferrari 312B: il teaser trailer

Si accendono i motori per celebrare la ROSSA più famosa del mondo: “Ferrari 312B” al cinema ad ottobre.

È stato diffuso on line il teaser trailer di “Ferrari 312B”, il film dedicato alla Rossa che ha rappresentato un’intera epoca, che sarà presentato in anteprima mondiale il 9, 10, 11 ottobre in Italia e a seguire nei cinema di 50 paesi del mondo.

In un incredibile mix di velocità, suono e immagini, l’evento speciale che porta per la prima volta su grande schermo la storia di una delle Ferrari più belle e innovative di sempre raccontata da Andrea Marini.

Può una macchina rappresentare da sola una rivoluzione?

Se parliamo di F1 e di Ferrari la risposta non può che essere sì.

E questa macchina è la Ferrari 312B.

È il 1970 quando Mauro Forghieri, ingegnere e capo progettista della Ferrari, decide di far debuttare in pista un nuovo modello di auto sostenuto dalla potenza di un motore rivoluzionario, il mitico V12 contrapposto della Ferrari 312B: il primo motore “piatto” della storia delle corse, progettato in origine per una fabbrica aeronautica americana “per poter stare nell’ala di un aereo”. Nasce così la Ferrari 312B, che debutta nel 1970 permettendo ai suoi piloti di punta, Jacky Ickx e Clay Regazzoni, di vincere quattro Gran Premi e di gareggiare fino all’ultimo per il titolo mondiale. Ma è soprattutto a partire dalla rivoluzione inaugurata da questa vettura, una delle auto più belle e più potenti che la fabbrica di Maranello abbia mai progettato, che si apre per la Ferrari uno straordinario periodo di vittorie che dura almeno un decennio (1970-1980) con 37 vittorie nei Gran Premi, 4 titoli mondiali costruttori e 3 titoli mondiali piloti.

Ferrari 312B” è un viaggio nello spirito indomito della F1, nei suoi giorni e nelle sue notti insonni alla ricerca di una miglioria, di un risultato, di un passo avanti: ne ripercorre l’età d’oro attraverso le testimonianze di piloti capaci di imprese memorabili. Niki Lauda, Jacky Ickx, Jackie Stewart, Gerhard Berger, Damon Hill sono le voci principali e al tempo stesso i testimoni di un’intera epoca in cui la sfida cavalleresca, la competizione, l’aggressività e l’ambizione erano risultato di una passione che non conosceva tregua. La stessa passione che nel film mettono in campo l’ingegner Forghieri e il suo team di meccanici per riportare in pista e preparare al meglio la “Ferrari 312B”, finendo per essere, alla pari dei piloti più titolati, i rappresentanti più degni della visione delle corse e della vita che aveva lui, il Drake, Enzo Ferrari.

L’amore del regista Andrea Marini per questa storia fa il resto, mixando sapientemente nel film velocità, rischio, bellezza e suono e rendendolo un’esperienza unica ed emozionante: perché in “Ferrari 312B” si vive la vita dei meccanici, quella dei progettisti e quella dei piloti, se ne condividono esaltazioni, momenti di scoraggiamento e di speranza. Tutto, che si sia vinto o si sia perso, in attesa della prossima volta. 

“Ferrari 312B” è il tributo a un’auto che è al tempo stesso un’opera d’arte interamente costruita a mano e un prototipo lanciato dai suoi inventori a tutta velocità verso il futuro, il simbolo di una rivoluzione che avrebbe cambiato per sempre il mondo della F1.  

“Ferrari 312B”, prodotto da Tarpini Production, è distribuito al cinema da Nexo Digital con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it.

Fonte: Comunicato Stampa