Archivi tag: Giancarlo Esposito

Money Monster – l’altra faccia del denaro: recensione

George Clooney e Julia Roberts sono i protagonisti del thriller “Money Monster” diretto da Jodie Foster. Elogio al femminismo.

mon0

Applaudito in questo giorni al Festival di Cannes, presentato nella sezione “fuori concorso”, arriva anche nelle sale italiane il thriller “Money Monster – l’altra faccia del denaro” diretto da Jodie Foster.

Il film vanta un cast di star hollywoodiane: dal sempre affascinante George Clooney alla famosa Julia Roberts.

Lee Gates (George Clooney) è un noto conduttore di uno show televisivo che consiglia investimenti in borsa, tra simpatici siparietti, tante pajettes e rumorose gag. Un giorno però un giovane, Kyle Budwell, (Jack O’Connell) irrompe negli studios in diretta, gli punta una pistola alla testa e minaccia di far saltare tutto in aria perché, avendo seguito i suoi consigli, ha perso tutto i suoi risparmi. Il giovane vuole delle spiegazioni e delle scuse ufficiali dinanzi a tutti gli spettatori del programma. La trasmissione, in realtà, diventa subito un caso mediatico e dietro la guida della saggia regista Patty Fenn (Julia Roberts), si cercherà la scomoda verità.

Jodie Foster, nota enfant prodige del cinema in veste di attrice e vincitrice di due premi Oscar, tre Golden Globe, tre BAFTA e uno Screen Actors Guild Award, riesce a confezionare un buon thriller, ben articolato e drammaticamente profondo.

Lo sviluppo narrativo, infatti, si articola su due piani. Il primo riguarda il complesso mondo finanziario, con i suoi incomprensibili algoritmi, le fluttuazioni della borsa e tutti i meccanismi fraudolenti della finanza virtuale nell’era della globalizzazione.

L’altro aspetto, più interessante, riguarda la potenza dei media nella società odierna. La trasmissione diventa subito live, la gente accorre in ogni dove per guardare cosa accade sul grande schermo, i social media impazzano. Quando la trasmissione trova il suo epilogo, gli spettatori ritornano alle proprie vite come se nulla sia accaduto, incuranti del dramma che si è appena consumato. La regista così riflette sulla società di oggi dove i media non sono più strumento d’informazione ma solo d’intrattenimento. Infatti dinanzi alla drammatica realtà di quanto stia succedendo nello Studios, le persone tifano e gioiscono come se fossero ad una partita di calcio, incuranti delle vite umane in pericolo.

Sicuramente l’incipit della pellicola non è dei più originali: molti sono i rimandi cinematografici da “Quinto Potere” a “La grande scommessa”.

In realtà la regista Foster non solo riesce a confezionare un buon thriller pieno di suspense e molto chiaro nelle sue sfumature, ma anche una crudele fotografia della società odierna.

Interessante è poi lo sguardo tutto femminile per una pellicola all’apparenza maschile e maschilista. Infatti la star della tv come l’attentatore ed il boss finanziario sono tutti uomini. Dietro di questi, però, ci sono tre rispettive figure femminili, all’apparenza quiete amanti in realtà vere protagoniste della storia. Dinanzi ad un conduttore televisivo capriccioso tutto preso dal suo divismo c’è la regista Patty Fenn, che riuscirà non solo a proteggere il divo ed a salvare tutto lo staff, ma anche a condurre il gioco mediatico. C’è poi il giovane attentatore, impacciato e goffo nelle sue azioni. Accanto a lui c’è Molly, la moglie incinta, che ogni giorno lavora duramente per assicurare una tranquillità economica al figlio che ha in grembo. Quando Molly scoprirà che Kyle ha dissipato tutti i loro risparmi “giocandoli in borsa” non mancherà di offenderlo e colpevolizzarlo pubblicamente. Infine c’è Diane Lester, l’affascinante portavoce del grande boss della IBIS Global Capital, nonché sua fedele amante. Quando Diane scoprirà di esser stata strumentalizzata ed ingannata dal suo capo, non mancherà di vendicarsi aiutando a scoprire la verità.

Money Monster – L’altra faccia del denaro” è un thriller interessante e molto gradevole, che vanta un ottimo cast di attori, una buona sceneggiatura e soprattutto diversi spunti riflessivi.

Voto: 8

Money Monster – l’altra faccia del denaro (Money Monster, Thriller, USA 2016) di Jodie Foster. Con George Clooney, Julia Roberts, Jack O’Connell, Dominic West, Caitriona Balfe, Giancarlo Esposito, Lenny Venito, Emily Meade, Olivia Luccardi, Chris Bauer, Katrina E. Perkins, Aly Mang, Dennis Boutsikaris, Joseph D. Reitman, Christopher Denham, Darri Ingolfsson – in uscita nelle sale da giovedì 12 maggio 2016.


FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Il Libro della giungla: recensione

Il classico Disney “Il libro della Giungla” ritorna in live action sul grande schermo dal 14 aprile.

giungla0

A quasi 50 di distanza dal classico film d’animazione “Il libro della Giungla”, la Disney riporta sul grande schermo le avventure di Mowgli in live action ed in 3D dal 14 aprile nelle nostre sale.

Diretto da Jon Favreau (“Iron Man”) ed ideato dalla fantasia dello scrittore inglese Rudyard Kipling, la pellicola racconta la storia di Mowgli, un cucciolo d’uomo allevato da un branco di lupi nella giungla. Quando la temibile tigre Shere Khan lo minaccerà di morte, il piccolo, insieme alla sua fidata amica, la pantera Bagheera, si vedrà costretto a fuggire dalla giungla. Il viaggio si rivelerà essere un’avventura meravigliosa, irta di pericoli. Mowgli, infatti, dovrà affrontare il pitone ipnotizzatore Kaa e l’egocentrico King Luoi, ma incontrerà anche molti amici come il simpatico orso Baloo.

La trama si avvicina all’originale in molte sue parti: alcune gag sono simili, i motivi musicali sono appena accennati e mal inseriti, alcuni sketch divertenti come la “ronda mattutina degli elefanti” mancano completamente.

Il film però vanta una tecnologia all’avanguardia: la giungla è ben caratterizzata e curata nei dettagli, gli animali stessi sembrano reali a tutti gli effetti. L’animazione foto-realistica degli animali e lo sbalorditivo 3D immergono lo spettatore nella giungla, con i suoi colori ed i suoi rumori.

Abbandonati i toni favolistici, la pellicola predilige l’avventura e registri più dark. Per questo motivo il film poco si addice ai più piccoli.

Il film vanta un cast di doppiatori d’eccellenza quali Toni Servillo nel ruolo di Bagheera, Violante Placido in quelli dell’amorevole lupa Rashka, Neri Marcorè per Baloo, Giovanna Mezzogiorno per il pitone Kaa e Giancarlo Magalli per il re delle scimmie, Re Luigi.

“Il Libro della Giungla” è una bellissima avventura visiva ed estetica, che vuol omaggiare l’originale ma che allo stesso tempo perde tutta la sua magia ed innocenza infantile.

Voto: 6

Il Libro della Giungla (Usa, fantasy, live-action, 2016) di Jon Favreau; con Idris Elba, Scarlett Johansson, Lupita Nyong’o, Christopher Walken, Giancarlo Esposito, Ben Kingsley, Neel Sethi, Bill Murray, Emjay Anthony, Toni Servillo, Giovanna Mezzogiorno, Neri Marcorè, Violante Placido, Giancarlo Magalli – in uscita nelle nostre salee da giovedì 14 aprile 2016