Archivi tag: Domhnall Gleeson

Margot Robbie nel cast di Peter Rabbit

L’affascinante modella – attrice australiana Margot Robbie è entrata nel cast di “Peter Rabbit”, adattamento cinematografico dei libri di Beatrix Potter.

marg0

Dopo il successo di “Suicide Squad” e dopo esser stata eletta “la più sexy e bella d’Australia” dalla rivista lifestyle Maxim, Margot Robbie presterà la sua voce ad uno dei personaggi del film “Peter Rabbit”.

Secondo The Hollywood Reporter, i dettagli del coinvolgimento della Robbie sarebbero ancora nascosti, ma molto probabilmente interpreterà uno dei conigli.

Adattamento cinematografico dei libri scritti da Beatrix Potter, il film sarà diretto da Will Gluck (“Easy Girl”, “Amici di letto”), che ha anche curato la sceneggiatura insieme a Rob Lieber.

Il cast si compone, oltre alla Robbie, di James Corden, Rose Byrne, Domhnall Gleeson, Daisy Ridley ed Elizabeth Debicki.

Le riprese dovrebbero iniziare nel gennaio 2017, mentre la release internazionale è prevista per aprile 2018.

La bellissima modella attrice australiana Margot Robbie, dopo aver preso parte al film “Suicide Squad” e “La leggenda di Tarzan”, ritornerà presto sul grande schermo con il film d’animazione della Dreamworks “Larrikins” accanto a Hugh Jackman e Naomi Watts.

FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Brooklyn: recensione

Il legame sentimentale con la propria terra, il passaggio da una campagna irlandese alla metropoli americana, con la malinconia per ciò che si è lasciato e l’entusiasmo per una nuova vita, attraverso un fil-rouge sul dramma degli emigrati negli Stati uniti.

brook0

La giovanissima attrice irlandese Saoirse Ronan, dopo “Grand Budapest Hotel”, ritorna sul grande schermo con il nuovo film drammatico “Brooklyn” di John Crowley, in sala dal 17 marzo.

Adattamento cinematografico dell’omonimo best seller di di Colm Tóibín, il film è stato sceneggiato dal noto scrittore inglese Nick Hornby (“Alta fedeltà ”, “Funny Girl”).

Irlanda. Anni ’50. la giovane e timida Eilis Lacey (Saoirse Ronan) decide di lasciare il suo piccolo paese sulla costa irlandese per andare negli Stati Uniti. Il distacco è difficile, Eilis deve lasciare tutto ciò che ha a cuore in Irlanda per intraprendere una nuova vita di cui non ha un’idea ben precisa. I primi tempi sono realmente duri, tutto ciò che la circonda sembra essere così apatico e lontano da lei, e gli unici momenti intensi sembrano essere quelli che la ricollegano sentimentalmente e psicologicamente alla sua terra d’origine. Qualcosa però cambia nella sua monotona realtà: l’incontro con Tony Fiorello (Emory Cohen), un ragazzo di origini italiane che le farà capire che una nuova vita felice è possibile, insieme a lui. Quando Eilis sembra davvero pronta a lasciare dietro di sé la vecchia vita, un lutto in famiglia la costringerà a tornare in Irlanda, e a quel punto la protagonista sarà costretta a decidere: rimanere in Irlanda per aiutare l’ormai sola madre o tornare da Tony e vivere finalmente la sua nuova vita.

“Brooklyn” racconta il dramma umano e sociale degli emigrati nella New York degli anni ’50 attraverso gli occhi di una ragazza irlandese molto giovane dal cappotto verde come la sua “isola smeralda”. Il film scorre bene in tutta la sua durata, con una scenografia e dei costumi realizzati perfettamente “ad hoc” per fare un tuffo nel passato e rivivere appieno quegli anni sotto tutti i punti di vista.

L’intera realtà degli emigrati viene analizzata per gran parte del film con un focus sugli irlandesi, fino all’incontro di Eilis con Tony, che apre una finestra sulla realtà anche italiana a New York, quando lei incontra la famiglia di lui. È inoltre interessante l’accenno al livello di istruzione degli emigrati, evidenziato dall’impossibilità di Tony di scrivere una lettera alla sua amata, per cui ricorre all’aiuto del fratello minore che frequenta le elementari: le nuove generazioni hanno più possibilità delle vecchie che sono sbarcate nella Grande Mela.

La sceneggiatura risulta lacunosa, lasciando alcune domande senza risposta. Qual è il caso della caratterizzazione del personaggio della madre di Eilis (Jane Brennan), che per tutta la durata del film ha un atteggiamento, attraverso le sue parole, ondivago tra la felicità nel vedere la figlia vivere una nuova vita in America e la gelosia nel volerla tenere con sé in Irlanda.

La regia è lineare ed il ritmo fluido.

“Brooklyn” è sicuramente un’emozionante e ben riuscito film drammatico, che scava dentro l’anima per andare a cercare quella difficile decisione tra vecchia e nuova vita, la sofferenza legata alla lontananza che tutti noi abbiamo dovuto affrontare almeno una volta nella vita.

VOTO: 8

Brooklyn (Irlanda / Gran Bretagna, 2015, drammatico) di John Crowley; con Domhnall Gleeson, Saoirse Ronan, Emily Bett Rickards, Julie Walters, Jim Broadbent in uscita nelle sale dal 17 marzo 2016


Brooklyn di Nick Hornby: il trailer

Candidato agli Oscar 2016, arriva il trailer dell’attesissimo “Brooklyn” diretto da John Crowley e scritto da Nick Hornby, dal 17 marzo nelle nostre sale.

Brooklyn-Movie-2015

E’ stato pubblicato il trailer ufficiale del film drammatico “Brooklyn”, diretto da John Crowley, che, dopo aver collezionato nomination e premi in tutto il mondo, arriverà nelle nostre sale dal 17 marzo.

Adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Colm Tóibín, il film ha già ha vinto il BAFTA per il Miglior film britannico ed è in corsa per ben tre Oscar nelle categorie di “Miglior film”, “Miglior attrice protagonista” e “Migliore sceneggiatura non originale”.

 

Scritto da Nick Hornby, la pellicola racconta la storia di Eilis (Saoirse Ronan), un’immigrata irlandese che, negli anni ’50, si trasferisce a New York in cerca di un futuro migliore. Dopo un turbolento periodo iniziale, Eilis presto riesce a costruirsi una vita a Brooklyn e si innamora di Tony, un idraulico italiano. In seguito all’improvvisa scomparsa della sorella, la ragazza tornerà in Irlanda dalla madre. Adesso Eilis dovrà scegliere se ritornare a vivere nella sua terra d’origine o continuare la sua avventura americana.

Il cast si compone di Saoirse Ronan, Domhnall Gleeson, Emory Cohen, Jim Broadbent e Julie Walters.

Revenant- Redivivo: recensione

Dal 16 gennaio arriva l’attesissimo “Revenant – Redivivo” di Alejandro González Iñárritu con Leonardo Di Caprio.

rev0

Dopo aver collezionato molti premi ed aver fatto incetta di nomination agli Oscar, arriva nelle sale italiane l’ultimo film di Alejandro González IñárrituRevenant – Redivivo” con protagonista Leonardo Di Caprio.

Tratto da una storia vera, la pellicola s’incentra su Hugh Glass, un esploratore e cacciatore di pellicce che nel 1822 intraprese un viaggio di tremila miglia, attraverso le condizioni più estreme, per vendicare la morte del figlio. Assalito da un orso, sopravviverà abbandonato a se stesso, tra i ghiacci e gli indiani, solo per vendetta.

Il premio Oscar Alejandro González Iñárritu (“Birdman”), ritorna al cinema con un film epico e leggendario per raccontare la storia tutta umana del suo protagonista. Ad una meravigliosa ed attenta regia si affianca una fotografia dai toni foschi ma abbagliante.

Il ritmo risulta essere incalzante nonostante l’avvicendarsi di scene cruente proprie della sopravvivenza allo stato primordiale. Tutto il film, poi, s’incentra sulla vendetta quale strumento necessario per il protagonista e non solo per sopravvivere, combattere e andare avanti. In realtà, in questa guerra senza limiti, dove uomini di diverse razze e credi combattono per la terra e la propria sopravvivenza, non ci sono perdenti o vincitori, civili ed incivili: come dice lo stesso regista in un fotogramma “siamo tutti incivili”!

Buone anche le interpretazioni, soprattutto quella di Tom Hardy, candidato all’Oscar come attore non protagonista.

Profumo di Oscar c’è anche per Leonardo Di Caprio, ormai quarantenne, che da molti anni e con molti film cerca di ottenere l’ambita statuetta. Il divo Hollywoodiano cerca in tutti i modi di regalare un’interpretazione sofferta ed intensa del suo personaggio. La sofferenza sicuramente è presente, dato che il regista lo ha costretto a girare, per circa 9 mesi, in condizioni atmosferiche insostenibili. L’attore, infatti, riesce a reggere l’intera ed estenuante durata del film. Purtroppo però sembra mancargli il pathos o la drammaticità necessaria al suo personaggio, rendendolo così poco empatico e troppo freddo.

“Revenant – redivivo” è un film importante che offre molti spunti riflessivi sulla vera natura umana.

Voto: 7

Revenant – Redivivo (Usa, 2016, drammatico, western) di Alejandro González Iñárritu; con Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Will Poulter, Domhnall Gleeson, Brad Carter, Paul Anderson, Lukas Haas, Brendan Fletcher, Kristoffer Joner, Dave Burchill, Kory Grim, Joshua Burge, Robert Moloney, Vincent Leclerc, Christopher Rosamond, McCaleb Burnett, Grace Dove, Forrest Goodluck, Melaw Nakehk’o, Duane Howard – in uscita nelle nostre sale da sabato 16 gennaio 2016


Star Wars – Il risveglio della Forza: recensione

Han Solo è tornato, insieme alla principessa Leia, a Chewbecca ed ai simpatici droidi R2-D2 e C-3PO per il sequel più atteso degli ultimi anni: “Star Wars – Il Risveglio della Forza”.

Star-Wars0

Il film più atteso dell’anno “Star Wars – Il Risveglio della Forza”, settimo capitolo della nota saga di Guerre Stellari e sequel della trilogia originaria del 1977, arriverà nelle nostre sale dal 16 dicembre.

Diretta da J.J. Abrams, la pellicola vede il ritorno dei suoi protagonisti storici come Han Solo, interpretato dall’indimenticabile Harrison Ford; Carrie Fisher nei panni della Principessa Leia, oltre a Wookiee Chewbecca ed i simpatici droidi R2-D2 e C-3PO.

La trama ufficiale recita:

“C’era l’Impero, e c’erano i Ribelli che lo combattevano. Quelle battaglie ora sono parte del passato, la Storia ha assunto i contorni della Leggenda e i suoi protagonisti sono ora in gran parte dispersi. I nostalgici dell’Impero hanno ricompattato le loro fila e sono ora fedeli al Nuovo Ordine, deciso a portare a termine quanto cominciato dai Sith tanti anni prima, cercando di estendere il loro dominio sulla Galassia e rovesciando la pacifica Repubblica; a contrastarli, tuttavia, vecchi e nuovi Ribelli si riuniscono sotto la guida del Generale Leia Organa, veterana del conflitto e una delle ultime depositarie del potere della Forza. Luke Skywalker, il grande eroe della Galassia, è scomparso tempo prima e sarà l’ago della bilancia della nuova, imminente guerra… chi lo troverà per primo? L’oscuro Kylo Ren o gli eroi per caso Rey e Finn?”

<!—more–>

Il film si caratterizza per ottimi effetti speciali, un uso sapiente del 3D ed una buona sceneggiatura. Il regista J.J. Abrams, infatti, riesce ad omaggiare la trilogia originaria ed allo stesso tempo, abilmente, introduce nuovi personaggi e nuove storie, che potranno svilupparsi nei prossimi capitoli. Così accanto ai personaggi storici ci sono i giovani: Rey (Daisy Ridley), la nuova depositaria del potere della Forza, Finn e l’affascinate pilota Bo. Sono loro adesso coloro che dovranno affrontare e combattere le Forze del Male.

Vera novità della pellicola di Abrams è sicuramente la nuova protagonista Rey, un’amazzone moderna. Le figure femminili, nella saga di Star Wars, hanno sempre avuto un ruolo secondario; adesso invece la nuova trilogia avrà come protagonista una donna! In realtà il cambio di direzione di questo settimo capitolo risponde semplicemente alla moda degli ultimi anni di Hollywood dove i protagonisti sono donne-guerriere, come nel caso del recente “Mad Max Fury Road” o la saga di “Hunger Games”.

“Star Wars – Il risveglio della Forza” è un buon prodotto cinematografico che sicuramente accontenterà i fan della saga e riuscirà a conquistare anche molti giovani neofiti.

Voto: 8

Star Wars Episodio VII – Il risveglio della forza (Star Wars: The Force Awakens, USA, 2015) di J.J. Abrams. Con Harrison Ford, Carrie Fisher, Mark Hamill, Anthony Daniels, Peter Mathew, Kenny Baker, John Boyega, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, Andy Serkis, Domhnall Gleeson, Max von Sydow, Lupita Nyong’o, Pip Anderson, Crystal Clarke, Christina Chong, Miltos Yerolemou, Greg Grunberg, Warwick Davis, Jessica Henwick, Maisie Richardson-Sellers, Iko Uwais, Yayan Ruhian, Leanne Best e Gwendoline Christie – in uscita nelle sale da mercoledì 16 dicembre

 

Leonardo Di Caprio a rischio di ipotermia per Revenant

“Revenant” ha costretto Leonardo di Caprio a vivere in situazioni estreme e molto difficili.

the-revenant0

L’affascinante star hollywoodiana Leonardo Di Caprio è il protagonista del nuovo thriller del premio oscar Alejandro González Iñárritu, “Revenant”. Di Caprio ha recentemente raccontato di aver vissuto, durante le riprese del film, in condizioni estreme, dormendo nelle carcasse di animali morti e cibandosi di fegato crudo di bisonte!

Continua la lettura di Leonardo Di Caprio a rischio di ipotermia per Revenant