Archivi tag: Colin Morgan

The Happy Prince – l’ultimo ritratto di Oscar Wilde: recensione

Rupert Everett porta sul grande schermo “The Happy Prince – l’ultimo ritratto di Oscar Wilde”, dal 12 aprile al cinema.

Il noto attore britannico Rupert Everett scrive, dirige ed interpreta “The Happy Prince – l’ultimo ritratto di Oscar Wilde”, dal 12 aprile al cinema.

Dopo il grande successo per le sue commedie teatrali, Oscar Wilde è caduto in disgrazia. Processato per la sua esplicita omosessualità e condannato a due anni di lavori forzati, si ritrova esiliato geograficamente e spiritualmente. La salute inizia a vacillare, così come il suo animo sempre tormentato.
Dopo esser ricaduto nel vortice di passioni ed amori con il giovane Lord Douglas nella soleggiata Napoli, Wilde ritorna in Francia dove troverà la morte. Solo gli amici più cari, Reggie Turner (Colin Firth) e Robbie Ross (Edwin Thomas), gli resteranno accanto fino alla fine dei suoi giorni.

Rupert Everett con “The Happy Prince” vuole raccontare il lato più intimo del noto scrittore Oscar Wilde. C’è tutto Wilde: la sua genialità e romanticismo, il suo eclettismo ed egoismo, le sue perversioni e peccati, ma anche tutta la sua ritrovata cristianità. Così la nota favola “Il principe Felice” diviene metafora della vita stessa di Wilde. Come la statua del principe felice che progressivamente si spoglia di tutti i suoi sfarzosi ornamenti per donarli ai più bisognosi, così il grande autore dona tutta la sua arte per trovare la redenzione nel Regno dei Cieli.

La regia di Everett è sicuramente molto particolare: i suoi piani sequenza seguono i protagonisti prima da vicino affinché si crei un rapporto preciso e ben delineato tra telecamera e attore, poi progressivamente da lontano. Come ha dichiarato lo stesso regista in conferenza stampa “il mio stile è fortemente influenzato dai fratelli Dardenne ma anche da un’estetica CCTV“.

Ad uno stile di ripresa particolare si aggiunge una fotografia molto curata e dettagliata che s’ispira ai celebri dipinti di Toulouse Lautrec e Monet.

Oscar Wilde è sempre stato un autore molto controverso: omosessuale in tempi in cui era considerato un “grave peccato”, eterno romantico e profondo cristiano come testimoniano non solo alcune sue bellissime fiabe, quali “il principe felice” o “il gigante egoista”, ma soprattutto per il suo “De Profundiis”.

Everett cerca di raccontare l’uomo – Oscar Wilde, con tutte le sue luci ed ombre, le sue fragilità e sogni. Ne esce un ritratto importante ma forse troppo buonista ed edulcorato!

Oscar Wilde non ha più bisogno di esser riscattato moralmente per le sue scelte sessuali, ma dovrebbe essere apprezzato per la sua genialità letteraria.

Voto: 7

The Happy Prince (commedia, Italia, Belgio, Germania, Gran Bretagna; 2018) di Rupert Everett. Con Rupert Everett, Colin Firth, Colin Morgan, Edwin Thomas, Emily Watson, Tom Wilkinson, Béatrice Dalle, John Standing, Edward Fox, Miranda Richardson, Daniel Weyman, André Penvern -In uscita nelle nostre sale da giovedì 12 aprile 2018


FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio: recensione

Chris Hemsworth e Charlize Theron tornano nel prequel “Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” dal 7 aprile al cinema

ilcacciatore0

Charlize Theron e Chris Hemsworth sono i protagonisti del nuovo fantasy dai toni romance de “Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” diretto da Cedric Nicolas Troyan, al cinema dal 7 aprile.

Prequel del famoso “Biancaneve e il cacciatore”, il film racconta la storia di due sorelle molto affiatate: Ravenna, la regina perfida di Biancaneve interpretata dalla bellissima Charlize Theron; e la più fragile e romantica Freja interpretata dalla sempre brava Emily Blunt. In seguito ad un drammatico evento, la dolce Freja diventerà la Regina di Ghiaccio e costruirà il suo Regno nel Nord dove arruolerà bambini-soldato, i futuri cacciatori. Nonostante il Regno di Freja si basi sul rinnegamento dell’amore, tra Eric e Sara (Chris Hemsworth e Jessica Chastain), due cacciatori, scoppierà l’amore. L’happy ending tipico delle fiabe è assicurato.

“Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” più che un prequel sembra un capitolo a sé stante dato che del film originario ha poco e niente: lo stesso cacciatore di Chris Hemsowrth non ha alcuna somiglianza con l’originale, e manca pure la regina Grimilde!

La pellicola omaggia molte pellicole più famose: da “Frozen” alla saga de “Il Signore degli Anelli” a “La Bussola d’Oro”.

Ad un’accurata e sfavillante cura di trucchi ed abiti corrisponde una sceneggiatura piatta ed un ritmo altalenante. Lo stesso sviluppo narrativo spesso langue ed i dialoghi risultano lenti e scontati.

Il regista Cedric Nicolas Troyan confeziona così un blockbuster per adolescenti: tanto romanticismo, qualche personaggio simpatico come i nani, sceneggiatura striminzita.

Inoltre il solito messaggio de “l’amore vince su tutto” risulta ridondante e se da un lato il film sembra inneggiare a qualche tema femminista, ottiene l’effetto contrario. Infatti le regine protagoniste risultano essere delle femminucce piagnucolone desiderose solo d’amore! L’unica vera protagonista femminile della pellicola sembra essere a dispetto del titolo, la cacciatrice Jessica Chastain, guerriera temibile che combatte per il suo amore.

Il resto del cast, nonostante vanti nomi famosi da Nick Frost, a Sam Claflin, cerca di barcamenarsi tra gag scontate e battute ridicole.

“Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio” è un prequel alla ricerca di un suo perché: l’unica nota positiva sono i trucchi e gli abiti delle protagoniste.

Povera Biancaneve!

Voto: 4

Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio (The Huntsman Winter’s War, USA, 2016) di Cedric Nicolas Troyan. Con Chris Hemsworth, Charlize Theron, Jessica Chastain, Emily Blunt, Nick Frost, Rob Brydon, Alexandra Roach, Sheridan Smith, Sam Claflin, Sophie Cookson, Colin Morgan, Sam Hazeldine, Edd Osmond e Lynne Wilmot- in uscita nelle nostre sale da giovedì 7 aprile 2016