Archivi tag: Claes Bang

The Square: recensione

Le assurdità ed ipocrisie dell’uomo moderno nel capolavoro di Ruben Ostlund “The Square” dal 31 ottobre al cinema.

Vincitore della Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes, “The Square” di Ruben Ostlund arriva nelle nostre sale dal 31 ottobre.

Stoccolma, ai giorni nostri. Christian è il curatore del museo di arte contemporanea e lavora all’inaugurazione di una mostra, che prevede l’installazione dell’opera “The Square”: un quadrato delimitato da un perimetro luminoso all’interno del quale tutti hanno uguali diritti e doveri, un “santuario di fiducia e altruismo”. Una mattina, Christian soccorre una donna in pericolo e si scopre derubato del telefono e del portafoglio. L’evento da un lato e la mostra dall’altro innescheranno una serie di conseguenze che spingeranno la tranquilla vita di Christian nel caos.

“The Square” è un film potente e molto incisivo sia visivamente che sintatticamente.

Infatti ad una regia lineare e pulita si affianca un buon ritmo ed una sceneggiatura ben articolata. Östlund arricchisce la pellicola di quel sano humor nord europeo, quella pungente ironia che riesce sempre a strappare più di una risata, anche se da retrogusto amaro.

Protagonista assoluto è l’uomo moderno, in particolare quello europeo, con tutte le sue fobie, incertezze, ipocrisie e miopie. “The Square” diventa così emblema da un lato di quell’Eden a cui tutti aspirerebbero, dall’altro una forma artistica moderna, che in quanto tale, è soggetta ad interpretazione individuale e pertanto diversa in base al contesto in cui viene esposta ed in base allo spettatore.

Il regista Östlund critica così ferocemente la società odierna: dietro la patina di fratellanza ed integrazione, si nasconde un’umanità profondamente razzista verso le classi più povere e verso il diverso.

Attentamente il regista analizza come gli stessi diritti dell’uomo moderno abbiano perso ogni cognizione di causa: la libertà di parola, troppo spesso abusata ed erroneamente utilizzata, ha perso il suo valore intrinseco! Tutto il “politically correct”, quei valori quali l’accoglienza, la solidarietà hanno assunto contorni sempre più labili e sfumati. La stessa opera d’arte “the square” rappresenta la società ideale, quella dei diritti uguali per tutti e delle responsabilità condivise, a cui l’uomo moderno guarda ma ne resta ai margini, come i personaggi della pellicola.

La stessa comunicazione diventa strumento per scioccare e non più per informare, specchio di una società bombardata da immagini di guerre, violenze e povertà e quindi crudelmente assuefatta.

Il ritratto di Östlund è sicuramente cinico e crudele, ma realistico e tristemente veritiero.

“The Square” è un film molto interessante: molti sono gli spunti di riflessioni e le domande importanti che il regista pone allo spettatore.

Voto: 9

The Square (Svezia/Danimarca/USA/Francia, 2017) di Ruben Östlund. Con Elisabeth Moss, Dominic West, Terry Notary, Linda Anborg, Claes Bang, Christopher Læssø, Emelie Beckius, Denise Wessman, Jan Lindwall e John Nordling. – In uscita nelle nostre sale da martedì 31 ottobre 2017.


FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi