Kingsman – The Secret Service: recensione

Spettacolare ed irriverente spy story per Matthew Vaughn,”Kingsman the Secret Service”, con Colin Firth, Michael Caine, Taron Egerton.

Kingsman-movie

Il noto regista-sceneggiatore Matthew Vaughn ritorna sul grande schermo con una nuova ed emozionante spy story: “Kingsman – The Secret Service”.

La pellicola, scritta e diretta da Vaughn (“Kick Ass”), è l’adattamento cinematografico della graphic novel di Mark Millar e Dave Gibbons.

Per salvare il mondo c’è una squadra di super agenti segreti, i Kingsman, uomini eleganti e nobili super-addestrati. Per diventare un kingsman bisogna superare un tirocinio molto difficile che non richiede solo prestanza fisica ma soprattutto dirittura morale. Harry Hart (Colin Firth) propone il giovane Gary “Eggsy” (Taron Egerton), un ragazzo sveglio ma di basso ceto sociale, figlio di un defunto collega di Hart. Allo stesso tempo c’è una minaccia da fronteggiare: Valentine (Samuel L.Jackson) è un miliardario che vuole decimare la popolazione mondiale con un piano pericoloso. Sarà compito dei Kingsman fermarlo.

“Kingsman” è una spy story piena di ironia e scene spettacolari.

Molti naturalmente sono i rimandi e gli omaggi cinematografici: da “Pulp fiction” ad “Una poltrona per due”, “Nikita”, “Pretty woman”, “My fair lady” e naturalmente il franchisee di “James Bond”.

Ad una sceneggiatura ben articolata si affianca un ritmo sempre incalzante e delle battute anche molto irriverenti.

Ottima l’interpretazione di Colin Firth e del giovane Taron Egerton, sempre incommensurabile Samuel L.Jackson anche in versione “zeppola”.

Dissacrante e spettacolare è sicuramente questo nuovo film di Vaughn che però non nasconde una morale molto importante: la nobiltà dell’uomo consiste nell’essere superiori a chi eravamo ieri e soprattutto sono i modi a qualificare l’uomo.

“Kingsman The Secret Service” è una spy story arguta e divertente, che vanta un’ottima regia ed un buon cast.

Voto: 9
Kingsman – The Secret Service (Kingsman: The Secret Service, USA, 2015) di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Michael Caine, Taron Egerton, Mark Strong, Sofia Boutella, Samuel L. Jackson, Sophie Cookson, Jack Davenport, Corey Johnson, Jorge Leon Martinez, Neve Gachev, Lee Nicholas Harris, Velibor Topic, Samantha Womack, Morgan Watkins, Edward Holcroft, Matthew William Jones, Jaymes Butler, James Michael Rankin, Christian Brassington, Joe Kennard, Allistair McNab e Paulina Boneva – in uscita da mercoledì 25 febbraio.

FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Un pensiero su “Kingsman – The Secret Service: recensione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *