The War – Il pianeta delle scimmie: recensione

Il terzo capitolo della saga de “Il Pianeta delle scimmie”, The War – Il pianeta delle scimmie” diretto da Matt Reeves arriva nelle nostre sale dal 13 luglio.

Il regista Matt Reeves ritorna nelle nostre sale dal 13 luglio con il nuovo ed ultimo capitolo di una delle saghe cinematografiche più celebri e longeve di sempre, “The War – Il pianeta delle scimmie”.

Cesare ed il suo popolo di scimmie, dopo la sanguinante guerra con Koba, si sono nascosti nella foresta. Un gruppo di soldati capeggiati dal Colonnello (Woody Harrelson) li cerca perché li vuole sterminare. Cesare dovrà soffocare la sua sete di vendetta personale per portare in salvo il suo popolo verso la Terra Promessa.

The War – Il pianeta delle scimmie” è sicuramente il capitolo più riuscito della trilogia: dalla sceneggiatura agli effetti speciali tutto risulta perfettamente equilibrato. C’è azione, c’è drammaticità, c’è sentimentalismo, c’è ironia.

La CGI è allo stato della perfezione, come la ricostruzione scenografica ed il ritmo, sempre avvolgenti e coinvolgenti.

I veri protagonisti di questo capitolo sono le scimmie ed il loro leader carismatico, l’unico che si può avvalere della parola quale momento sacro e necessario per lo svolgimento della narrazione.

Molte poi sono le tematiche e le riflessioni affrontate: l’unione e la cooperazione quale sinonimo di forza; l’importanza della Pietas; il concetto di leadership, quale arte nel posporre i propri bisogni a quelli della comunità.

Sempre cari al regista sono sicuramente i temi ambientalisti: l’uomo è solo un ospite su questo Pianeta e la sua arroganza sarà ripagata dalla Natura in modo violento e mortale.

Questo terzo capitolo si caratterizza anche per i tanti rimandi ed omaggi cinematografici, non solo ai precedenti capitoli ma anche a quelli della saga originaria ed a famosi film quali “Apocalypse Now”.

The War – Il pianeta delle scimmie” è un buon blockbuster sia dal punto di vista stilistico che registico, che sicuramente accontenterà i fan della saga.

Voto: 9

The War – Il pianeta delle scimmie (War of the Planet of the Apes, USA, 2017) di Matt Reeves. Con Gabriel Chavarria, Woody Harrelson, Andy Serkis, Steve Zahn, Judy Greer, Sara Canning, Max Lloyd-Jones, Terry Notary, Aleks Paunovic, Alessandro Juliani, Amiah Miller, Chad Rook, Karin Konoval, Timothy Webber, Mercedes de la Zerda, Michael Adamthwaite e James Pizzinato. – in uscita nelle nostre sale da giovedì 13 luglio 2017.


FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

The War – Il pianeta delle scimmie: tutte le curiosità

Tante sono le curiosità che riguardano l’ultimo ed attesissimo capitolo della trilogia de “Il Pianeta delle scimmie”, dal 13 luglio nelle nostre sale.

L’ultimo capitolo della trilogia de “Il Pianeta delle scimmie” arriva nelle nostre sale dal 13 luglio: “The War – Il pianeta delle scimmie” diretto da Matt Reeves.

Molte sono le curiosità che riguardano il film:

  • Andy Serkis (Cesare), Terry Notary (Rocket) e Karin Konoval (Maurice) sono gli unici attori presenti in tutte e tre i capitoli della saga.
  • Per Matt Reeves questo capitolo rappresenta un ritorno alla regia, dopo aver diretto “Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie” (2014).
  • La saga è sicuramente tra le più longeve: basata sul romanzo “Il pianeta delle scimmie” di Pierre Boulle (del 1963), la saga ha debuttato al cinema nel 1967 con l’omonimo film. Nel 1970 c’è stato “L’altra faccia del pianeta delle scimmie”, seguito poi da “Fuga dal pianeta delle scimmie” (1971), “1999 – Conquista della Terra” (1972), ed “Anno 2670 – Ultimo atto” (1973). Nel 2001 il noto regista Tim Burton ha realizzato il remake “Planet of the Apes – Il pianeta delle scimmie”, mentre nel 2011 è arrivato il reboot della saga con “L’alba del pianeta delle scimmie” (2011), “Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie” (2014) e il nuovo “The War – Il Pianeta delle Scimmie” (2017).
  • Molti sono i rimandi e gli omaggi cinematografici alla trilogia originaria:
  • Lo slogan dei soldati umani recita “L’unica scimmia buona è la scimmia morta” che riprende la citazione del gorilla General Ursus in “L’altra faccia del pianeta delle scimmie” (1970).
  • Un’altro rimando riguarda la bambina muta chiamata Nova (Amiah Miller), come il personaggio interpretato da Linda Harrison nel primo e secondo capitolo del franchise originario.
  • La trilogia rispecchia il percorso evolutivo di Cesare: nel primo capitolo, “L’alba del pianeta delle scimmie” (2011), riusciva a dire solo alcune parole come “No!”; in “Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie” (2014), il suo vocabolario si era arricchito ma risultava ancora carente anche di intonazione. Nell’ultimo capitolo “The War – Il Pianeta delle Scimmie” parla con proprietà di lessico come un vero umano!
  • Riguardo al futuro della saga, l’attore Andy Serkis ha recentemente dichiarato in un’intervista ad MTV: “Potrebbero esserci altri tre film, forse quattro o cinque. Chi può dirlo? Sicuramente il viaggio continuerà”. Lo scorso ottobre, infatti, è stato annunciato che presto inizieranno le lavorazioni per il quarto capitolo della saga.