1945: recensione

Ferenc Török racconta il drammatico periodo di transizione dell’Ungheria del dopo guerra con il bellissimo e struggente “1945”, dal 3 maggio al cinema.

Dal 3 maggio arriva nelle nostre sale il film drammatico-storico “1945” diretto dal regista ungherese Ferenc Török.

Adattamento cinematografico del racconto “Homecoming” di Gábor T. Szántó, co-sceneggiatore insieme al regista, il film racconta la storia di un piccolo e apparentemente tranquillo villaggio ungherese, dopo la caduta del regime nazista e la fine della Seconda Guerra Mondiale. È un caldo ed afoso giorno di agosto e gli abitanti del villaggio si stanno preparando per festeggiare il matrimonio del figlio del vicario. Alla stazione però arrivano due stranieri, sono ebrei ortodossi. Il loro arrivo allarma tutti: c’è il sospetto che tutti i furti, i tradimenti e le colpe possano ritornare a galla.

Il 1945 è stato un anno molto importante per la storia Mondiale: per l’Europa ha segnato la fine delle dittature e l’inizio delle democrazie, mentre per i Paesi dell’Est ha segnato il passaggio dal dominio nazista a quello sovietico.

A differenza di altri film sull’Olocausto, il regista ungherese Ferenc Török si sofferma su un aspetto ben poco conosciuto o comunque poco studiato. Infatti il regista s’incentra sulla responsabilità che hanno avuto i singoli cittadini, semplici ed all’apparenza buoni contadini come in questo film, durante la deportazione degli ebrei. Questi si sono approfittati della situazione per potersi trasferire in case più grandi e belle ed acquistare maggiori ricchezze, macchiandosi così del sangue degli ebrei al pari dei gerarchi.

L’accusa di Török è puntuale e pungente: la responsabilità civile e morale della strage degli ebrei e degli orrori dei regimi totalitaristici è da imputare al singolo essere umano, perché si è trattato di una responsabilità collettiva.

Ad una sceneggiatura lineare ed asciutta corrisponde una regia sempre attenta e silenziosa.

Bellissima è la fotografia di Elemér Ragályi e l’utilizzo del bianco e nero rendono il percorso narrativo freddo e glaciale come la storia che racconta.

“1945” è un film importante, necessario ed interessante: i “cattivi” non sono solo quelli che hanno il fucile ma anche chi, come gli abitanti del villaggio, hanno prima guardato inermi e poi hanno pensato solo al proprio vantaggio utilitaristico.

Voto: 9

1945 (drammatico, Ungheria, 2017) di Ferenc Török. Con Péter Rudolf, Eszter Nagy-Kalozy, Bence Tasnádi, Tamás Szabó Kimmel, Dóra Sztarenki. – in uscita al cinema da giovedì 3 maggio 2018

FacebookTwitterGoogle+EmailCondividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *